No, il misterioso suono registrato in orbita non è degli alieni

http://www.dailymail.co.uk/video/sciencetech/video-1180802/Nasa-recording-edge-space-picks-strange-sounds.html

Lo ha captato lo studente Daniel Bowman a 36 chilometri di altezza. Si deve ancora capirne l’origine, ma sicuramente proviene dal nostro pianeta

Va bene, il suono è intrigante. E se poi chi lo ha sentito, dopo averlo raccolto a 36 chilometri dalla superficie terrestre, e decodificato lo definisce come “qualcosa di simile a un suono da X-Files, allora abbiamo ciò che serve a montare un’altra fantasia iperspaziale: il suono potrebbe arrivare da un’altra civilità, dal futuro, da un’altra dimensione.

Lo facciamo magari in buona fede, lasciando andare la fantasia, come giustamente riprendono i media italiani (la Repubblica ha appena rettificato nel proprio articolo. Che nel frattempo aveva ottenuto migliaia di share). Mischiando poi fantasia a fatti in modo da nutrire i sogni ancestrali di essere contattati dagli alieni. In questo caso, più che l’Interstellar di Nolan la vicenda ricorda contatti del terzo tipo di stampo spielberghiano (ricordate?).

nasa-recording_1024

La notizia riguarda un suono registrato al limite con lo Spazio (e non dello Spazio, come lascerebbero intendere alcuni giornalisti). A menzionare, stupito della sua scoperta, gli X-Files è stato l’autore principale della ricerca Daniel Bowman, della Università della North Carolina. “Somigliano a X-Files“, ha detto. E suLivescience questo commento è finito immediatamente nel titolo.

Grazie a un microfono capace di captare gli infrasuoni montato su un pallone aereostatico, Bowman ha registrato un suono che il nostro orecchio non può percepire. Il suono, elaborato e portato alla frequenza di 20 Hertz, diventa udibile.

L’esperimento è innovativo: è il primo del suo genere in 50 anni, spiega Bowman (si erano compiuti negli anni sessanta per monitorare esperimenti nucleari). Logico poi chiedersi quale possa essere l’origine del suono. Gli infrasuoni percorrono lunghe distanze, e quelli captati dal microfono di Bowman possono arrivare da ovunque, ma non dallo spazio. L’autore solleva alcune ipotesi: temporali, terremoti, vulcani, frane o valanghe. Insomma: probabilmente arrivano da sotto (accidenti, gli alieni sono già tra noi!), e non da sopra.

Ed è vero che ancora l’origine del suono è sconosciuta. Misterioso se volete, ci sta tutto. Tant’è che secondo gli esperti l’esperimento apre nuove aree di ricerca, ma non nella quinta dimensione diInterstellar, bensì nella alta atmosfera terrestre. Perché non arriva da un’altra galassia? Lo dice Marco Maruccielli dell’Osservatorio di geofisica sperimentale di Trieste: “Un suono non attraverserà lo Spazio semplicemente perché un suono non si propaga nel vuoto. Una radiazione elettromagnetica si, un suono, no. E quindi questo suono giunge sicuramente dal basso“.

Perché scomodare Et allora? Come spiega Mucciarelli, “Lamisteriosa spiegazione magari è noiosa o poco interessante, ma gli stessi autori propongono che si tratti di vibrazioni dovute a microvariazioni della pressione atmosferica sugli oceani o addirittura ad un problema di malfunzionamento dello strumento. In ogni caso il suono assomiglia a qualcosa solo se lo si velocizza mille volte, come spiegato nei primi dieci secondi del video“.

Magari l’autore dello studio si è lasciato prendere la mano citando file misteriosi, complice lo stupore. E questo è il bello dellascienza, apprezzandola ci si può stupire dei fenomeni naturali, senza dover ricorrere a fenomeni paranormali. Questa opzione è aperta a tutti, non serve essere scienziati.

Ma il suono è strano, e quindi danziamoci sopra. Forse l’importante sono le migliaia di like raccolti in poche ore. E poco importa se poi chi ci legge confonde scienza con fantascienza e non sa più distinguere una ricerca scientifica da una favola.

Di Jacopo Pasotti

Fonte:http://www.wired.it/scienza/spazio/2015/05/06/suono-orbita-no-alieni/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...