Gli scienziati hanno trovato un modo per nascondere la Terra dagli occhi curiosi degli alieni

VENERDÌ 1 APRILE 2016

alieni
Gli astrofisici della Columbia University hanno proposto un metodo che in modo affidabile sarà destinato a proteggere la Terra dagli occhi indiscreti degli alieni.
Probabilmente gli alieni ci potrebbero rilevare nel momento in cui il nostro pianeta transita dinnanzi al sole alterando in modo quasi impercettibile la luminosità della nostra stella. Quando un pianeta attraversa il disco solare, la luminosità di quest’ultimo viene attenuata per un breve periodo di tempo .
Conoscendo la direzione e il punto nello spazio dove la Terra potrebbe essere monitorata dagli alieni, gli scienziati sarebbero in grado di ingannare la loro curiosità impedendo il calo della luminosità solare.
Secondo gli scienziati, la Terra potrebbe essere mascherata con un normale laser monocromatico dalla potenza potenza di 30 MW, che ogni anno verrebbe azionato per circa 10 ore. Questa potenza è comparabile con la potenza dei moderni treni elettrici.
Questo futuristico “Mantello dell’invisibilità”, è in grado di nascondere un pianeta in tutte le altre lunghezze d’onda attraverso l’impiego di una serie di laser riconfiguratili e con una capacità totale di 250 megawatt. Tuttavia, non è necessario nascondere da occhi indiscreti tutto il pianeta Terra, ma solo quelle tracce di attività biologica rilevabili nella sua atmosfera, come gli alti livelli di ossigeno. A tale scopo, secondo gli scienziati, sarà necessario l’impiego di un laser con una potenza pari a 160 kW, da azionare al momento del transito del nostro pianeta sullo sfondo del disco solare. Un’altra applicazione di questa tecnologia risulta essere particolarmente interessante.
Gli alieni potrebbero deliberatamente alterare la luminosità di una stella nel momento in cui il loro pianeta transita davanti ad essa. Questa applicazione potrebbe fungere come un “faro” per la ricerca di sistemi solari abitati da intelligenze extraterrestri oltre ad essere un modo alternativo per trasmettere informazioni. Il SETI si avvale di una varietà di progetti tutti finalizzati nella ricerca di vita extraterrestre, così come lo sviluppo di metodi innovativi per una futura comunicazione interstellare.
Tale ricerca è venuta meno per via della mancanza del sostegno statale cessato negli anni ’90 a causa dei molti anni trascorsi in ricerche infruttuose visto che in quel periodo non è mai stato rivelato un segnale artificiale la cui origine avrebbe potuto essere extraterrestre.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...