Alla ricerca di pianeti in Alpha Centauri – Le Scienze

La Breakthrough Initiatives, fondata dal miliardario Yuri Milner,  ha deciso di finanziare un costosissimo aggiornamento del Very Large Telescope, già oggi il più potente telescopio terrestre del mondo, in cambio della possibilità di usarlo per scrutare il sistema stellare più vicino, Alpha Centauri, alla ricerca di pianeti potenzialmente abitabili

Sorgente: Alla ricerca di pianeti in Alpha Centauri – Le Scienze

Annunci

Uno sguardo ravvicinato alle atmosfere aliene – Le Scienze

Una collaborazione europea ha scoperto forti indizi della presenza di un’atmosfera su GJ 1132 b, un pianeta extrasolare di massa simile a quella terrestre. Il risultato apre la strada a uno studio più dettagliato e approfondito delle atmosfere di pianeti relativamente piccoli, che probabilmente avrà grande impulso dal lancio del telescopio spaziale James Webb della NASA previsto per la fine del 2018

Sorgente: Uno sguardo ravvicinato alle atmosfere aliene – Le Scienze

Continuano ad arrivare misteriosi lampi radio dallo Spazio – PianetabluNews

Nuove analisi hanno registrato altri sei fast radio burst nell’area dove lo scorso marzo è stato scoperto per la prima volta una fonte che ne produce ripetutamente nel tempo Se dallo Spazio stanno tentando di comunicare con noi, iniziano a farsi decisamente insistenti. Continua infatti ad accumularsi i fast radio burst (o lampi radio) provenienti da Frb 121102, l’unica fonte…

Sorgente: Continuano ad arrivare misteriosi lampi radio dallo Spazio – PianetabluNews

Piero Bianucci – Scrittore e Giornalista scientifico

Sorgente: Piero Bianucci – Scrittore e Giornalista scientifico

Von Braun su Marte, E.T. tra gli esopianeti – La Stampa

Due progetti spaziali ci appassionano: la ricerca di alieni intelligenti e il viaggio verso Marte. Il primo è noto con la sigla SETI, Search for Extra-Terrestrial Intelligence, e risale al 1961. Il se

Sorgente: Von Braun su Marte, E.T. tra gli esopianeti – La Stampa

La Specola Vaticana RadioSapienza

La Specola Vaticana, racconto di una straordinaria avventura scientifica. La Specola Vaticana è l’Osservatorio Vaticano racconto in un libro.

Sorgente: La Specola Vaticana RadioSapienza

Paleontologo evoluzionista;”Gli alieni sono come noi”

MERCOLEDÌ 12 AGOSTO 2015

129060_4525
Guardando il cielo stellato l’umanità si è sempre chiesta se in questo sconfinato universo potrebbe nascondersi una qualche forma di vita intelligente e quale potrebbe essere l’aspetto che gli farebbe distinguere dal resto del genere umano.

Simon Conway Morris 
Ora, un importante paleontologo evoluzionista presso l’Università di Cambridge, il professor Simon Conway Morris ha pubblicato il suo libro “The Runes of Evolution” in cui afferma che se ci dovesse capitare di incontrare degli alieni, ne rimarremo molto sorpresi nel vedere quanto essi ci assomiglianoMolto è stato scritto circa l’esistenza di vita su altri pianeti, dai più seri studi scientifici fino alle superstizioni più estreme.
In entrambi i casi la questione ha sempre suscitato timore,curiosità e fascino allo stesso tempo, alla stregua delle storie di fantasmi che continuano ad affascinare grandi e piccini. Se ci sono mille modi con cui potrebbero manifestarsi gli alieni è altrettanto vero che c’è una costante folcloristica che tende a descriverli come esseri dall’aspetto non umano.
Dal film Alien a ET attraverso gli X-Files e Men in Black, in generale, gli alieni sono descritti con grandi teste e strani corpi verdi allungati o cose simili.
Gli astronomi hanno scoperto alcuni pianeti simili alla Terra per via delle loro caratteristiche ambientali, per cui il professor Conway Morris afferma che non è una chimera che gli alieni come gli esseri umani possano vivere in questi nuovi mondi.
Lo scienziato è giunto a questa conclusione basandosi sulla teoria della “evoluzione convergente.”
Nel suo libro “Runes of Evolution” egli espone questa teoria che si può sviluppare in diverse specie che si sono evolute come il genere umano per cui il loro aspetto sarebbe simile al nostro.
In altre parole, non è da escludere che diverse strutture ancestrali possano essersi evolute indipendentemente come un risultato evolutivo simile al nostro.
Un esempio di questo è l’evoluzione dei pterosauri che si sono adattati al volo come gli uccelli e pipistrelli. Il professore afferma che la teoria della convergenza può essere dimostrata in qualsiasi momento nella storia dell’evoluzione, dalle prime cellule fino all’aspetto finale del complesso sistema nervoso.
Lo studioso inglese conclude affermando che:
poiché questa fase evolutiva è ipotizzabile, in linea di principio, l’esistenza di pianeti simili alla Terra dove la vita è possibile, l’evoluzione non sarà stata così diversa da quella terrestre.”
L’autore afferma che: “è chiaro che non tutti i pianeti simili alla Terra sono popolati da umanoidi ma da piante sofisticate, che si sono adattate a vivere in quegli ambienti.”

Fonte di riferimento:diariopopular